Certe cose non cambiano mai.
Altre, per fortuna, sì.

giovedì 30 giugno 2011

Bastava dirlo.

La Tina potrebbe aver accennato al fatto che da qualche tempo a questa parte subiva un blocco della creatività. Così, en passant.

Il suo libro la fissava dallo schermo del pc, vagamente perplesso per il fatto che lei trovasse qualsiasi cosa da fare piuttosto che continuare a scrivere: dal riordinare i vestiti sparsi ovunque a rimettere i sandali nelle loro scatole, dal risolvere l'onnipresente sudoku a leggere giornali di gossip online. Per dire, attività essenziali e utili alla società.
Quando non chiamava l' amica amorevole che l'ascoltava mentre lei scapocciava per varie&eventuali.

La verità è che a lei seccava enormemente questa cosa.
E quindi, tutto andava bene piuttosto che sedersi lì, rileggere le ultime righe o talvolta pagine, correggere due parole, cambiare un tempo verbale e poi chiudere tutto sapendo di non aver aggiunto nulla alla propria opera.


Ma oggi, oggi è un giornatone.
Eh sì perchè la Tina oggi ha avuto l'illuminazione. L'epifania.


Stava aprendo il suo tesoro, e ha improvvisamente realizzato che c'era un motivo per cui la cosa non proseguiva. Ed era semplicissimo. Una di quelle cose che quando la capisci dici "era così ovvio!" ma finchè non ci arrivi ti dibatti nella melma fetente del dubbio.


Il motivo per cui non si andava avanti è che alla protagonista NON GLIENE FREGAVA NULLA di quello che la Tina scriveva. Lei se la immagina così, che si annoia mentre 'sta stordita di scrittrice cerca di arrivarci con il criceto bruciato che le gira nella testa.

La piccola protagonista voleva parlare di altro, non di cose da fare o di preoccupazioni da affrontare ma di vita allegra, dei suoi adorati fratelli, e quando lei scriveva puntava i piedini e pensava uffa, non ci arriva, che palle. E io sto qui e non mi schiodo, tiè.


Ma ora la Tina e la protagonista si sono fissate negli occhi, si sono sorrise e capite. E la storia è ripartita, oltretutto su un pezzo che lei non vedeva l'ora di scrivere.
Uno di quelli che da uno svoltone alla vita e su cui lei ha ricamato particolari, intrecciato storie e fili da illo tempore aspettando solo il momento di buttarlo giù. Come a dire... meglio di così non si può chiedere.


Certo che gioiello... potevi dirlo prima, neh. Io mi arrovello da giorni.... :p

13 commenti:

Mammazeroventi ha detto...

Ma anche tu potevi fermarti un po prima ad ascoltare sta protagonista!!!!!

la tina ha detto...

beh ma lei mica parlava.. lei faceva solo le smorfie e le linguacce!!! come potevo capire... ^__^

dabogirl ha detto...

beh ma lei mica parlava.. lei faceva solo le smorfie e le linguacce!!! come potevo capire... ^__^

un po' come faccio io con Mustela Pandala.

pinkmommy ha detto...

l'importante è che alla fine vi siete capite! ;)

la tina ha detto...

dabo mia, ma quanta pazienza deve avè la piccola mustela pandala??? quanta? finirai per farla ammalare... :p


pink, eccerto!!! lo pensiamo anche noi 2!!!! :D

mammadifretta ha detto...

le smorfie e le linguazze valgono più di mille parole!

Seavessi ha detto...

...so what? son curiosa come una vipera.

Madamadorè ha detto...

wow....tra quanto prevedi di finirlo il libro dopo questa svolta?
Mi raccomando non ci raccontare troppo che poi non lo compriamo O___=

Ilaria Pedra ha detto...

ma dai non sapevo che anche tu scrivessi!!!?? comunque si, i protagonisti fanno quello che vogliono, mica quello che vogliamo noi autori!! baci

MissMartinaB ha detto...

meraviglioso questo post! sono molto contenta che te e la tua protagonista sia tornate a parlarvi e guardarvi negli occhi :-)

neve di marzo ha detto...

Brava Tina,continua cosi'!

la tina ha detto...

oh dear, ieri sono sparita per andare a teatro poi... ad arricchire lo spirito!! e quindi torno solo ora!! ^__^

mammadifretta, è vero, a volta uno sguardo carico di significato vale + della declamazione di un poema!! ma io sono un po' gnucca forse, c'ho messo un po'... shame on me!!

seavessi. ah seavessi. sapessi.... vabbè ma tanto lo sai che ti annichilerà di pagine da leggere di nuovo, sii paziente....

madamadorè, eh il libro prosegue un po' lentamente, anche perchè sembra 'na boiata ma riempire una pagina di letterine che abbiano anche un senso e diano emozione è tutt'altro che facile!!! ma io mica racconto nulla... a parte ai pochi fortunatissimi selezionati come revisori-lettori-consiglieri-aggiustatutto del mio cuore!!! :D

ilaria, eh sì, io mica ci credevo all'inizio, ma hanno proprio una loro personalità, scelgono e smontano le tue congetture, bravi loro!! sono proprio.. reali, capisci? ^__^

miss, grazie cara. lei mi mancava moltissimo, era una cosa quasi fisica, tipo dove sei finita, non ce la faccio se non mi dici che vuoi.... ma ora è tornata. ed è sempre lei.

neve di marzo, GRAZIE!!!! :)

Owl ha detto...

Io non te lo scrivo più tanto t'ho già fatto 2 palle con sta cosa, ma ammiro immensamente il processo creativo... mi vengono gli occhi a cuoricino!

Ops l'ho scritto di nuovo...

Brava Tina!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...