Certe cose non cambiano mai.
Altre, per fortuna, sì.

lunedì 2 maggio 2011

Al parco.

Mattinata al parco con due cuginetti, 6enne e 3enne. Ovviamente vogliono fare giochi diversi, anche se il piccolo copia con qualche minuto di ritardo tutto quello che fa il più grande.

La Tina è in mezzo ai due, fra quello che scivola come un pazzo e quello che si arrampica con la fune. Come in un match di tennis volta la testa a destra e sinistra per non perderli e cerca di prevenire ruzzoloni, capitomboli vari e spiaccicate di faccia dagli scivoli.


Passano accanto un gruppetto di ragazzini di prima-seconda elementare e la disgraziata sente il discorso più surreale mai ascoltato.

A pronunciarlo è una bambina, montatura fashion degli occhiali, scarpina stringata, gonna in jeans e capello a onde morbide.
Sta parlando con un bambino che le caracolla accanto, cercando di assentire e non inciampare in contemporanea.

- Tu capisci - dice lei chiaramente proseguendo un discorso precedente - appena arrivati alle elementari mi ha lasciata, così. Senza una spiegazione! Senza un motivo! Secondo me aveva un'altra....


Ok. Fermi tutti. La Tina è rimasta così indecisa se scoppiare a ridere dietro alla giovane o tirarle un sanpietrino per farla rinsavire che ha rischiato di perdersi i cuginetti. Entrambi.

Ha iniziato a pensare che lei a 6 - 7 anni

. non parlava di problemi di cuore come una navigata partecipante del grande fratello

. non si vestiva come una modella in erba per giocare al parco - ma i grembiuli???

. non era a conoscenza che un ragazzo potesse stare in contemporanea con più di una ragazza, ignorando in toto il problema

. non speculava sulle ragioni per cui le relazioni finivano

. non ammorbava l'anima a compagni di classe innocenti e sconcertati


Ma, le viene il sospetto, ai suoi tempi ci si divertiva molto di più.

14 commenti:

Anonimo ha detto...

ahahahahahaahahahaahha che fica di bimba!!!! --s--

la tina ha detto...

ma per favore s., dai!!! io preferirei una bambina che rutta e si mette le dita nel naso fino al cervello a quella che mi spettegola di ragazzi a quell'età!!! a 15 anni cosa farà, le tacche sui muri per tenere il conto dei maschi?? bleah!

Cecilia ha detto...

Io concordo con te Tina! E' giusto un pelo cambiata la società... ma non troppo, neh!

Io credo di aver scoperto che i maschi non erano da prendere a calci e pugni (perchè si, essendo più grande e più grossa di loro, era quello che gli facevo... ^_^) tipo alle medie! o_O

la tina ha detto...

ahahahahahah!!!! ceci mi hai fatta scompisciare!!!!! ti ci vedo a sgambettarli per terra e poi cartonarli fino a lasciarli storditi... te sì che sai come si conquistano i ragazzini!!! :D

Cecilia ha detto...

Vero? :-P
A parte gli scherzi, non ero a quei livelli, ma qualche calcio e pugno quando mi facevano arrabbiare partiva davvero...
Io l'ho sempre detto che il mio lavoro doveva essere la Boxe! :-D

sullepunte ha detto...

Vedi? A portarti appresso la cuginetta, sorella del 6enne, ti avrebbe aiutato spiegandoti come gira adesso...

pinkmommy ha detto...

Quanto hai ragione! Gnomo ha sei anni, la maggior parte delle bimbe della sua età mi fa ghiacciare il sangue...certi atteggiamenti che io non sapevo neanche dove fossero di casa!!! La cosa più allucinante che ho visto? Bambine seienni ad una festa di compleanno che ballavano una specie di lap dance con mosse e mossettine, e le mamme con lo sguardo orgoglioso "guarda qui guarda lì mamma mia che brave"...ma brave de che???

Finalmentemamma ha detto...

Ma che cosa orripilante...ma come si fa a quest eta essere così!!!ma da grande a questa uomini e donne gli fa un baffo!!!!già ce la vedo li a litigare per il claudicano di turno "non puoi pensare quello che penso...capito?!" "Brava, brava, brava!!!"

ElizabethB ha detto...

Beh, del resto mia madre mi raccontava che in terza media, negli ultimi anni in cui ha insegnato, le sue alunne ormai avevano fatto tutto il fattibile. Quindi non mi stupisco che partano...come dire, con leggero anticipo. Che peccato però, poi l'infanzia non torna più.

Owl ha detto...

O_O ma io a 6 anni andavo a cercare rane nel fosso dietro casa!!
Sul serio, mi ricordo ancora una sera ero in libera uscita dopo essere stata a un pranzo pomposo. Ero vestita anche carina. E mi ha recuperato mio padre nel canale che contavo i girini nelle pocce (leggi pozzanghere d'aqua).Ecco quanto me ne fregava dei vestiti e dei maschi.

... uhu forse sono rimasta così anche adesso... bhuhauaha

p.s. grazie!

la tina ha detto...

ceci, sei troppo allegra e sorridente per boxare!! ma se ti incarognisci 1 po' ce la puoi fare alla grandissima :D

sullepunte forse sì, ma spero che la pupa passi più tempo a fare la maschiaccia coi fratelli che a parlare di maschi..... -_-'

pink, è raccapricciante vedere le mamme delle mini-zoccoline tutte orgogliose, mi fa davvero venire una tristezza senza pari!!!

finalmentemamma guarda che queste sono tutte carne da macello per grandifratelli e uomini&donne, almeno stessero rinchiuse lì invece di pascolare per le strade in libertà....

liz, il triste è che se a 6 - 7 anni parli di maschi e relazione a 15 - 16 che fai?? come ti emozioni se hai già vissuto e provato tutto quando non avevi neanche l'età per capire? che tristezza.

owl, ma i bambini così dovrebbero essere!!! liberi, alegri e curiosi, senza le paranoie di vestiti e cazzate varie, che avranno tutta la vita per farsele venire.

n. ha detto...

se i figli sono così è perchè sono bombordati da ogni dove con discorsi così... i genitori non li hai visti? probabilmente ti avrebbero dato un indizio sicuro del "come si fa a diventare così?"... comunque strepitosa... davvero un dialogo da incorniciare...

Anonimo ha detto...

tzè come siete vecchie... a sei anni ero già alla SECONDA relazione ufficiale. tzè....


gi

la tina ha detto...

n. io resto dell'idea che se i figli sono così prima prendo a calci i genitori, poi penso se educare la prole. ecco.

gi, eh ma tu sei talmente avanti... si vede proprio che io sono fuori forma dal pdv relazionale, checcevoifà!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...