Certe cose non cambiano mai.
Altre, per fortuna, sì.

mercoledì 20 aprile 2011

Live or die

Pensierino della sera.

In queste giornate di visite e sorrisi e chiacchiere e risate mi balza davanti agli occhi un cartello, una scritta che dice

"Die for something is better than live for nothing".

Morire per qualcosa è meglio che vivere per nulla.

E' dedicato a un uomo che ha riempito la sua vita di valore, di significato. Giusto o sbagliato che sia, a seconda delle diverse visioni politiche, lui ha scelto comunque di partecipare attivamente allo spettacolo.





A tutti noi, che viviamo di cose grandi e piccole, di momenti di gioia e di incazzature feroci, di soddisfazioni e sconforti, di ogni singolo istante, vorrei dare un abbraccio e un po' di incoraggiamento, e dire di non cedere mai, qualcunque siano le battaglie che si stanno conducendo.

Che un giorno tutti moriremo - non per gufare, ma così è! - e allora saremo felici di qualsiasi cosa ci abbia arricchito l'esistenza e l'abbia resa così preziosa.

7 commenti:

sfollicolatamente ha detto...

Eggia', sono le battaglie che vale la pena combattere a renderci vivi...

ElizabethB ha detto...

Sarà una banalità, ma vivere intensamente tutto ciò che la vita ci mette di fronte, non tirarci indietro, non dover mai pensare "se solo l'avessi fatto/detto", sono piccoli principi, ma fondamentali. E condividere con gli altri le nostre emozioni. Emozioni non condivise, tenute per noi, hanno meno senso, no?

Seavessi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Seavessi ha detto...

Le battaglie perse sono le più importanti da combattere.
Massimo Gramellini, grande uomo, grande vicedirettore e grande fratello di fede granata :-)

la tina ha detto...

sfolli cara, sì, credo sia così. che poi solo noi sappiamo quali siano queste battaglie, e quelle che agli altri possono sembrare "robbette da nulla" per noi possono essere le più importanti, quelle per cui vale la pena affrontare qualsiasi cosa.

liz, hanno molto + sapore le emozioni condivise :) anche se alcune a me piace anche cullarmele dentro in silenzio....

seavessi, eh ma infatti, parlavano proprio di quello!!! picia ^__^

Seavessi ha detto...

PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

qui nessuno capisce come sia fondamentale il fatot che Gramellini sia del Toro. Liz, diccelo tu a questa miscredente....

la tina ha detto...

ma ti spernacchio io attè!!! stai calmina neh, che a me stan simpatiche le squadre di rugby e un giorno ti porto a scoprire com'è vedere degli armadi a 3 ante che corrono in campo come treni a vapore, si saccagnano di botte e a fine partita tutti a bere birra insieme, commentanddo il match!! quello sì è sport :p

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...