Certe cose non cambiano mai.
Altre, per fortuna, sì.

martedì 12 giugno 2012

Ne riparliamo.

Arriva il momento in cui le idee si accavallano così furiosamente nella testa, e creano tanta di quella confusione che ti dici: bon, devo cambiare prospettiva.

Ho sempre pensato alla prospettiva come alle finestre di una grande casa: a seconda di quella da cui ti affacci vedi paesaggi diversi.

Sei sempre tu, e la casa è sempre la stessa: eppure da un lato puoi avere una vista migliore che dall'altro, o più viva, più colorata, più rilassante.
Comunque diversa.

E così mi sono detta che un cambio di prospettiva può essere (o forse deve...?) rimettersi a guardare le inserzioni di lavoro.
Certo, è quasi sport nazionale per un sacco di gente, oggi, specie giovani.
Ma un'occhiata uno deve pur darla, e magari aiuta a crearsi un'idea realistica delle cose che si possono/vogliono/potrebbero fare.

Quindi, via ai vari siti in cui ci sono annunci di ogni tipo, dal tornitore - mi manca giusto l'esperienza per capire cosa faccia, un tornitore - alla segretaria con richiesta la terza media - terza media? - alla promotrice di prodotti dietetici e di bellezza - ops! temo mi manchi la forma fisica per farlo, sarebbe come andare dal parrucchiere pelato... - a sa il cielo quante altre cose.

Quello che mi ha sorpreso di più vedere, forse perchè non le ricordavo anche se certamente le avevo già viste, sono le foto che accompagnano le proposte di lavoro.





Gruppi uniti e sorridenti (possibilmente multietnici, dai che ci presentiamo come di-metalità-aperta e pronti-a-vincere-la-sfida-con-il-futuro-interraziale) di persone che sembrano godersela un mondo, vestiti e incamiciati anche se si tratta di far girare una manovella per 8 ore al giorno in un capannone.

Si potrebbe anche discutere sul non vedere una proposta chiara o definita, sulla collocazione che è città centralissima (ops, la sede poi è in una ridente località a solo 56 km perduta nelle lande deserte, ma se non soffri l'auto ce la puoi fare ad arrivare ogni giorno!) o sulla difficoltà di capire che cazzo di lavoro mi stai proponendo se nel settore mi scrivi Direzione-Commerciale-Marketing-Magazzino-Pulizia cessi e nelle competenze c'è scrivere in corsivo e costruire lo Shuttle.


Ho come l'impressione che la ricerca sarà lunga, affascinante e piena di simpaticissime sorprese.


Ma d'altro canto, se quel pirla di Frodo Baggins è riuscito ad arrivare a Mordor,
io ce la farò a trovare un lavoro!

13 commenti:

dabogirl ha detto...

non guardare le luci, bambino Frodo!

Anonimo ha detto...

il tornitore è colui che costruisce e modifica i pezzi meccanici al tornio. presente ghost? quello è un tornio verticale.

fuggi dai
"cercasi junior plurilaureato premio nobel di 21 anni con esperienza per attività multilivello"
benissimo che ti vada ti fanno vendere il kirby porta a porta.


gi

la tina ha detto...

dabo, bambino frodo può andare a giocare a dama con tutti gli orchi della terra di mezzo! io cercherò di essere un po' + rapida di lui... e possibilmente senza l'espressione pirlissima! :D

gì, tenterò di evitarle, grazie ;)

Ilmondoatestaingiù ha detto...

Premesso che son finiti i tempi nei quali, con le inserzioni, si ricercavano i dirigenti, oramai purtroppo anche per i livelli intermedi si ricorre unicamente al passaparola o alla conoscenza pregressa.

Ad ogni buon conto, una buona strategia è di guardare sul giornale quali sono le agenzie di ricerca più gettonate / migliori e inviare loro un curriculum per essere inseriti nei loro data base.

Spesso le inserzioni impossibili (ingegnere max 30enne con 15 anni di esperienza di gestione di persone) servono appunto a raccogliere curriculum...

ElizabethB ha detto...

Tina, ci sarà da ridere. Secondo me se condivideremo le nostre future esperienze di ricerca, almeno eviteremo di farci il sangue cattivo!

la tina ha detto...

imatig, infatti io conto sull'amico dell'amico che ha uno zio che cerca per suo cognato una persona come me (non so bene a far cosa!)
:D

liz, e smezziamocele 'st'esperienza, prendiamole a ridere, o quanto meno non troppo sul serio.
magari ne usciamo vive... ;)

Ilmondoatestaingiù ha detto...

tina, io ho cambiato azienda 6 volte nella mia vita lavorativa (si, ho cambiato molte più aziende che mogli ;) ). In nessun caso attraverso inserzioni sui giornali.
Una sola volta son stato scelto da un cacciatore di teste, ma lo conoscevo già, essendo stato un mio ex collega in un'azienda precedente. Un'altra volta un altro cacciatore di teste mi aveva scelto per un posto di prestigio, al quale ho rinunciato (e questa è una storia che non sta in un commento...). Tutte le altre volte son state conoscenze dirette. Non è una bella cosa, ma in Italia (e non solo qui) funziona così....

la tina ha detto...

imatig, ma io mica mi lamento. voglio dire: non mi aspetto la classica "ponza", la spinta che viene data al trota di turno (ovvero è scemo come una capra, ma è figlio/nipote/marito/moglie/cognato di quello/a, quindi tocca tenerserlo!) per farlo passare davanti a tutti.
io sarei solo felice di arrivare a parlare con qualcuno tramite altri, e poi ovviamente dipende da quello che tu sai fare e dalle tue competenze.
se ce ne sono altri di migliori, ci mancherebbe!
ecco ^_^

Ilmondoatestaingiù ha detto...

si tina. L'avevo capito. Il problema è proprio "arrivare a parlare con qualcuno".

Per quella che è la mia esperienza di società di ricerca del personale, raramente ho visto selezioni ben fatte. Una volta feci anch'io una selezione di personale: mi scorsi circa duecento curriculum, e ti posso assicurare che dopo i primi 20, quelli seguenti sembravano le fotocopie dei precedenti. Alla fine chiamai al colloquio una decina di candidati. Erano quasi tutti notevoli, ma sbagliati come profilo per ciò che mi serviva. Mi sono sempre chiesto se fra tutti quelli che non ho chiamato ci fosse qualcuno che meritava.
Alla fine assumemmo uno che ci fu segnalato da persone che conoscevamo, e tutto sommato si rivelò per quello che ci era stato detto.

La ragazza di Bottega ha detto...

La mia esperienza di ricerca lavorativa consiste in 1006 curricula inviati tra posta tradizionale ed email. Risposte 5, 4 "No grazie, al momento non mi servi", 1 sì con colloquio (non andato a buon fine).
Cosa in realtà funziona è il passaparola, le solite frasi "c'è la mia amica che cerca un lavoro", "sai in quell'azienda laggiù cercano"... Funzioni tu, tu sei la chiave per trovare lavoro, a parte una raccomandazione, è ovvio. Chiediti veramente cosa vuoi fare e secondo me sarà il lavoro a saltarti tra le braccia.

la tina ha detto...

ragazza mia della bottega... c'hai tenuto il conto, dei CV! O_O

il lavoro + importante che ho fatto è stato trovato grazie al passaparola, e gli altri comunque non sono andati per i canali classici di invio CV, selezione, superamento della concorrenza e assunzione.

comunque mi piace quello che dici: capisci quello che vuoi fare e il lavoro arriva!
eccomi, ci sono quasi ;)

un abbraccio!

mammadifretta ha detto...

mi associo, finora trovati solo "vìcercasi infermiera con esperienza pluriennalke autominiti". Già peccato che questi sono tranquillamente imopiegati in un ospedale pubblico e chi li schioda(sono d'accordissimo con loro). Ergo sono mesi che gli annunci sono gli sessi :)

la tina ha detto...

mammadifretta, eh sì, gli annunci non vengono eliminati neppure quando non sono + validi!
che imbecillità, chissà che gli costa fare un controllino ogni tanto!
bah... ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...